Lo scandalo di un Dio che si è fatto uomo ed è morto sulla croce

è il centro della nostra Fede.

E’ l’ispirazione primigenia della nostra vocazione e questo mistero che ispira, sostiene, alimenta il nostro dono quotidiano per il Regno.
La chiesa confessa che Gesù è Figlio di Dio venuto nella carne. Questo è lo scandalo! ..
La vera misura della Sua incarnazione è l’umiltà, il disinteresse e la beatitudine.
E’ carne eppure trascendenza; è svuotamento eppure pienezza; è disonore eppure gloria; è umiliazione eppure beatitudine: ognuno di questi assiomi è sfida per l’uomo e per il cristiano e radicalmente per noi.
Il segreto è quello semplice di San Francesco. Un cuore aperto, spalancato, dilatato non dilaniato sul mondo.
Un cuore da trapiantare nella carne di questo mondo, di ogni fratello, di questo tempo che attende di essere trasfigurato.
Francesco è capace di fornirci una “speranza realista”, davvero alla nostra portata. A portata di fede. E ammonisce: c’è di più. C’è di meglio. C’è un “non ancora” che non deve dare rassegnazione e riposo. Se la misura è il limite, allora è davvero tempo di miracoli, cioè l’immensa – ma possibile – quotidiana, umile, nascosta, disinteressata fatica del fare aderire il Vangelo alla realtà. Fatica, sì, cioè lavoro, tanto e moltiplicato impegno per l’uomo, tra gli uomini.
È la rivincita del fare sull’essere? No, è l’equilibrio praticabile tra l’essere e il dover essere, che è la misura del vero umanesimo: è questo che Gesù ci ha insegnato nel suo percorso dal cielo alla terra, una trascendenza che si comprende tra una stalla e un legno di croce.

Ultimi articoli inseriti in lingua italiana:

Gli auguri scomodi di don Tonino

Buon Natale! Sul nostro vecchio mondo che muore, nasca la speranza.

Viaggio nelle grotte dove è nato Gesù

«Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nel katályma»

L’attesa

Solo la carne sopporta una gravidanza, poiché è plastica, si modifica e adatta.

La situazione sociale del Paese : 56° Rapporto Censis

La situazione sociale del Paese : 56° Rapporto Censis Considerazioni generali Dove siamo?Affrontare di nuovo la domanda con la quale la nostra cultura occidentale ci interpella fin dalle origini sembra essere un bisogno profondo della società italiana. Tre anni, quattro crisi profonde e diversi improvvisi cambi di direzione giustificano la necessità di ritrovarsi, di ridisegnare…

Etty e la speranza

Etty e la speranza “Spero di riuscire a ringraziare per avere Dio in me stessa” Poche citazioni, sul tema, e proprio nel senso quotidiano del nostro sperare, desiderare che qualcosa vada meglio, per sé e per gli altri. Ma speranze non velleitarie, bensì concrete e realistiche, e sempre con qualche desiderio che trascenda le faccende…

Dalla sofferenza alla lucida spiritualità

Dalla sofferenza alla lucida spiritualita’ su Etty Hillesum Fabiola Falappa Non solo l’azione, ma anche la sofferenza è una via verso la libertà. La liberazione nella sofferenza consiste in questo, che all’uomo è possibile rinunciare totalmente a tenere la propria causa nelle proprie mani, e riporla in quelle di Dio. (Dietrich Bonhoeffer) [1] Avere il…

Liberi di amare

Liberi di amare Il coraggio dell’aurora Un percorso di spiritualità per i giovani sulle tracce di Etty Hillesum Fabiola Falappa Noi che siamo stati nei campi di concentramento ricordiamo gli uomini che andavano da una baracca all’altra confortando i compagni e regalando l’ultima crosta di pane. Forse non erano molti, ma bastavano a ricordarci che…

In ascolto del silenzio prossimo

In ascolto del silenzio prossimo Il coraggio dell’aurora Un percorso di spiritualità per i giovani sulle tracce di Etty Hillesum Fabiola Falappa Capire il silenzio stesso, la sua vicinanza quotidiana, la sua attesa nei nostri confronti richiede una distanza, la distanza dal modo corrente di pensare. Ma una volta giunti a questa distanza ci si accorge…

Il coraggio dell’aurora 

Il coraggio dell’aurora Un percorso di spiritualità per i giovani sulle tracce di Etty Hillesum Fabiola Falappa Si potrebbe credere che la nostra cultura stia morendo, soprattutto nel suo nucleo occidentale più antico, l’Europa. Ma potrebbe anche essere tutto il contrario, un’alba. Proviamo a verificare quest’ultima ipotesi. Le due cose unite insieme, la morte e…

“Per la vita del Signore…alla cui presenza io sto”(1Re 17,1; 18,15)

È la situazione in cui oggi ci troviamo che cela e lascia trapelare in tante forme un vivo desiderio di spiritualità

TESTI PER OGNI GIORNO: VIVIAMO L’ATTESA….

ANTIFONA

E’ nato per noi un bambino,
un figlio ci è stato donato:
Il potere riposa sulle sue spalle :
il suo nome sarà messaggero
di un grande disegno.
E’ nato per noi un bambino,

un figlio ci è stato donato:

Il potere riposa sulle sue spalle :

il suo nome sarà messaggero di un grande disegno di AMORE

Cei, per l’Avvento e il Natale la preghiera si fa più inclusiva

Vivere con maggiore profondità la ricchezza della liturgia dell’Avvento e del Natale

Scuola, i numeri da cambiare. L’Italia nel confronto internazionale

A questi esiti contribuisce una gestione poco efficace delle risorse scolastiche, a partire da quelle umane.

Il docente, una presenza ‘sorgiva’ nella prassi educativa

Il Maestro svolge un ruolo educativo singolare: accoglienza solidale, di ascolto, di accettazione del mistero dell’altro e di apertura alla diversità.

Quattro semplici verbi: accogliere, proteggere, promuovere e integrare

Il volto dell’altro interpella. La storia della sofferenza – propria e altrui – tocca il cuore e apre le mani, rendendoci sensibili e generosi.

In questo sito vengono utilizzate alcune immagini, foto e materiali audiovisivi tratti da Internet, esclusivamente se di pubblico dominio o dichiarati “materiali free” dalle originarie fonti di diffusione. Stante la premessa, per eventuale materiale di cui l’autore/l’autrice non consente la pubblicazione, contattare la Redazione del sito (email:suorchiara.tenaglia@gmail.com), che si rende disponibile verso gli aventi diritto alla rimozione tempestiva dello stesso.